Il ventre della macchina

C’è un momento che arriva dopo le lotte, le speranze, le disperazioni, dopo le vittorie e dopo le sconfitte, in cui un uomo si accorge che ciò che gli resta è soltanto la propria forza. Troppo insistentemente le vicende dei sentimenti si ripiegano su se stesse, cercando di perpetuare giochi o sottili torture cui il…

amici miei buon anno

Il bello di alcune amicizie è che non nascono da un passato in comune condiviso o ritrovato, non nascono dalla coetaneità ma dalla coessenzialità. E non c’è limite di età. Tu amica tanto più giovane e tu tanto più anziana e tu che ancora non conosci il tuo destino di uomo, siete insieme seduti al…

Thérèse Raquin

(..) Si strinsero in un orribile abbraccio, il dolore e la paura sostituirono il desiderio, e quando le loro membra vennero a contatto credettero di essere caduti in un braciere ardente. Gettarono un grido e si strinsero ancora di più, per non lasciare tra loro lo spazio all’annegato. Ma sentivano comunque i resti di Camillo…

la vera arte

«Era molto divertente, all’inizio. Smise di esserlo quando scoprii la differenza fra scrivere bene e scrivere male. E poi feci una scoperta ancora più allarmante: la differenza fra un ottimo stile e la vera arte; sottile ma feroce. » Truman Capote

Aleph

Saro’ capace di amare, al di sopra di tutte le delusioni. Di donare, anche quando sono stata privata di tutto. Di lavorare felicemente, anche quando mi trovo in mezzo a mille ostacoli. Di asciugare le lacrime, anche quando sto ancora piangendo. Di credere, anche quando sono stata discreditata. Paulo Coelho, Aleph

Il Signor aggiustatutto e le macchinette del caffé

(……) Mia madre ha sessantacinque anni. E’ iscritta a un club di cuori solitari. Comunque, ci rimasi di sasso. Mi bloccai lì, in cima alle scale, con la mano sulla ringhiera a guardare quell’uomo che la baciava e la TV trasmetteva qualcosa. Adesso le cose vanno un po’ meglio. Ma in quel periodo, quando mia…

sogno

Stanotte ho sognato Pier Paolo Pasolini. Eravamo in fila a un botteghino, entrambi senza sapere perché (io potevo sentire i suoi pensieri) era di spalle proprio davanti a me, potevo notare i capelli umidi dietro la nuca, nessuno stupore. Poi si gira, era giovane, un po’ desolato, mi chiede se so qualcosa dello spettacolo non…

La provincia dell’uomo

Gli adulatori appassionati sono i più infelici degli uomini. Di tanto in tanto li coglie un odio selvaggio e imprevedibile per la creatura che hanno a lungo adulato. Quest’odio, non possono padroneggiarlo; a nessun prezzo riescono a domarlo; vi cedono come la tigre alla sete di sangue. È uno spettacolo sconcertante: l’uomo che prima aveva…

Gli effetti secondari dei sogni

Da quando sono nata, mi sono sempre sentita al di fuori, dovunque fossi, fuori dall’immagine, dalla conversazione, sfasata, come se fossi la sola a sentire rumori o parole che gli altri non percepiscono, e sorda alle parole che invece sembrano sentire, come se fossi fuori dalla cornice, dall’altra parte di una vetrata immensa e invisibile….

buongiorno

chiedo scusa a tutti i miei amici per la lunga assenza, è stato un periodo molto difficile che sto superando (spero) e non vedo l’ora di ricominciare a scrivere ed essere nuovamente con voi.   Capita così anche a te, al culmine di una felicità di accorgerti che c’era già stata prima e che questo…